fbpx

POLTRONA RELAX PER DISABILI E LE AGEVOLAZIONI POLTRONE PER DISABILI COME RECUPERARE LA DETRAZIONE FISCALE DEL 19 % ED ACQUISTARE CON L’IVA AGEVOLATA AL 4 %

Avere difficoltà motorie può essere davvero duro, soprattutto se queste difficoltà limitano anche i più semplici movimenti, come quello del sedersi e di rimettersi in piedi.

Agevolazioni poltrone elettriche del 4%

Le poltrone relax sono pensate e realizzate tenendo conto di queste limitazioni. Molte malattie provocano sia difficoltà motorie che dolori articolari e alla schiena, che possono essere alleviati grazie all’uso delle poltrone relax.

Per questo è fondamentale valutare le esigenze del cliente, per poter aggiungere alla poltrona alzapersona tutti gli optional necessari.

Le poltrone relax per disabili sono dotate di motori elettrici che facilitano e accompagnano i movimenti dando così un sostegno quotidiano, garantendo l’indipendenza domestica.

Ci sono diversi modelli di poltrone Relax con funzioni sempre più specializzate:

  • il poggiagambe e lo schienale regolabile;
  • il sistema di sollevamento su 4 ruote azionabile grazie ad una leva a scomparsa posta nella parte posteriore della poltrona, utile per spostare la poltrona relax da un ambiente all’altro;
  • il kit batteria (un sistema ricaricabile che rende la poltrona autonoma, utile per utilizzarla lontano da prese di corrente);
  • i braccioli estraibili (consentono il passaggio dalla poltrona al letto e viceversa, permettendo inoltre l’avvicinamento al tavolo);
  • il tavolino servitore;

Ci sono inoltre le poltrone elettriche bariatriche utili per persone obese.

AGEVOLAZIONI POLTRONE PER DISABILI – IVA AGEVOLATA AL 4 %

Per poter usufruire dei benefici fiscali o delle agevolazioni poltrone per disabili, è importante acquistare prodotti individuati dall’Agenzia delle Entrate come dispositivi medici di Classe 1 con inserito nella didascalia “CE” che ne attesta la conformità alle direttive europee 93/42/CEE, 90/385/CEE e 98/79/CE.

Il primo beneficio fiscale che si può ottenere per acquistare una poltrona relax per disabili è la riduzione dell’IVA al 4 %.
Sono beni soggetti ad IVA agevolata anche:

  • le protesi e gli ausili inerenti le menomazioni di tipo funzionale permanenti (compresi pannoloni per incontinenti, traverse, letti e materassi ortopedici antidecubito e terapeutici, cuscini jerico e cuscini antidecubito per sedie a rotello o carrozzine ecc).
  • Le poltrone alzapersona e i veicoli simili per invalidi, anche con motore o altro meccanismo di propulsione, incluso il servoscala e altri mezzi simili utili al superamento di barriere architettoniche.
  • Gli apparecchi per facilitare l’audizione ai sordi e gli altri apparecchi necessari per compensare una deficienza o una infermità.

Una persona disabile titolare di Legge 104/92, può usufruire delle agevolazioni poltrone alzapersona, chiedendo al momento dell’acquisto l’applicazione dell’IVA agevolata al 4 % anziché al 22 %.

Al momento dell’acquisto sarà necessario presentare:

  1. Prescrizione del medico della ASL di appartenenza, dove si attesti la relazione funzionale tra la menomazione ed il sussidio tecnico.
  2. Certificato attestante l’invalidità o l’handicap, rilasciato dalla ASL di competenza, riguardante uno delle quattro forme previste ovvero motoria, visiva, uditiva, del linguaggio.
  3. Copia del codice fiscale
  4. Copia del documento di identità

In alternativa al punto 2, ovvero del certificato che attesta l’invalidità, è possibile presentare un modulo di autocertificazione scaricabile da internet (suggeriamo, nel dubbio, di rivolgersi al CAF di fiducia).

Si tratta di un modulo di autocertificazione dell’Agenzia delle Entrate e rilasciato dalla ASL di competenza territoriale, attestante una invalidità a carattere permanente.

 

L’IVA agevolata al 4 % è uno “sconto” riconosciuto alle persone portatrici di disabilità per l’acquisto di alcune tipologie di poltrone, quelle cioè dotate di sistema alzapersona.

AGEVOLAZIONI POLTRONE PER DISABILI – LA DETRAZIONE FISCALE DEL 19 %

La normativa tributaria mostra particolare attenzione per le persone con disabilità e per i loro familiari, riservando loro numerose agevolazioni fiscali.

Agevolazioni poltrone relax del 19%
Sono ammesse integralmente alla detrazione del 19% (quindi senza applicazione di franchigia) le spese riguardanti i mezzi necessari all’accompagnamento, alla deambulazione; al sollevamento dei disabili accertati ai sensi dell’articolo 3 della legge n.104 del 1992, a prescindere dal fatto che fruiscano o meno dell’assegno di accompagnamento. Può trattarsi ad esempio di:
  • acquisto di poltrone per inabili e minorati non deambulanti, di carrozzelle, di apparecchi per contenere fratture, ernie, per correggere difetti della colonna vertebrale;
  • acquisto di arti artificiali per la deambulazione;
  • trasporto in autoambulanza del soggetto portatore di handicap;
  • costruzione o l’installazione di scivoli, ascensori speciali o apparecchi per il sollevamento, la trasformazione dell’ascensore per adattarlo alla carrozzella, la costruzione di rampe per eliminare le barriere architettoniche esterne ed esterne.
Le poltrone elettriche sono considerate supporto alla persona per questo sono riconosciute come Dispositivi Medici di Classe 1. In Italia la Legge 104 regola le agevolazioni per disabili legate alle persone portatori di handicap, siano esse disabili oppure anziane. L’acquisto di una poltrona per disabili quindi è inseribile, così come i farmaci, tra le spese sanitarie ammesse alla detrazione IRPEF del 19 % nella dichiarazione dei redditi. Per questo genere di spese è fissata una franchigia minima di 129,11 euro, al di sotto dei quali non si applica la detrazione. Per poter usufruire delle detrazioni poltrone disabili al momento dell’acquisto della poltrona relax come dispositivo medico occorre che:
  • la fattura riporti chiaramente il nome del soggetto che sostiene la spesa e la descrizione del dispositivo medico;
  • il beneficio fiscale può essere fruito anche dal familiare che ha sostenuto la spesa, a condizione che il disabile sia fiscalmente a suo carico.
  • il dispositivo medico sia contrassegnato dalla dicitura “CE”
  • la detrazione del 19% riguarderà solo le spese “tracciabili”, ossia effettuate con carta di credito, bancomat, assegno e bonifico.
Quindi, le persone aventi diritto possono:
  1. acquistare la poltrona alzapersona con l’IVA al 4 % anziché 22 ;
  2. usufruire con la dichiarazione dei redditi anche della detrazione fiscale del 19 % sull’intero importo della spesa sostenuta.
E’ importante ricordare che, se la poltrona che si vuole acquistare è una semplice poltrona massaggiante, ovvero non rientra nella lista dei prodotti individuati dall’Agenzia delle Entrate come presidio medico, non si potrà usufruire di tutti i benefici e le agevolazioni previste dalla legge.

Poltrone reclinabili Genesis: comfort e tecnologia al servizio del benessere con l’IVA agevolata!

RICHIEDI INFORMAZIONI












    RICHIEDI INFORMAZIONI